Questa notizia è stata letta 280 volte

Natale è diventato la festa dei lustrini e dei colori. Dimenticando che cosa si festeggia e perchè. Della nascita di Gesù Bambino, salvatore del mondo, sembra interessare sempre a meno persone, troppo impegnate a divertirsi con un’allegria che definire finta o forzata è poco. E’ un tempo davvero singolare, questo che viviamo. Ci sono luoghi dove non si fa il presepe per non urtare la suscettibilità dei non credenti, oppure semplicemente per far posto alle bancarelle, unica cosa che si ritiene interessi. Si illuminano strade e piazze, ma i cuori spesso sono spenti, perchè quelle lucine da sole non possono rispondere al bisogno di senso che ciascuno di noi ha.

Qui oggi vogliamo andare controcorrente, e proponiamo una bella e struggente poesia scritta nel 1979 dalla poetessa cinquefrondese Licia Pronestì Seminara. E’ una lirica dedicata al Natale naturalmente. Un Natale descritto con occhi e cuore davvero speciali, occhi di fede anzitutto, di fede popolare e genuina; e cuore pieno di compassione per i guai del mondo ma anche di chi ci sta accanto. Una poesia di 43 anni fa che sembra scritta per l’oggi drammatico, violento e spesso privo di senso che vive la nostra società troppo spesso incapace di ‘leggere’ il bene e il male, di distinguere la finzione dalla realtà, stordita com’è dalla propaganda e da fiumi di parole fuorvianti.

Licia Pronestì Seminara invece ha preso molto sul serio e interpretato con profondità il mistero del Natale e dell’irrompere del divino nelle cose materiali del mondo. La poetessa rievoca il senso della festa familiare e paesana di una Cinquefrondi che forse non esiste più, e poi si inginocchia davanti a questo mistero insondabile e umilmente chiede il bene per ciascuno, e la scomparsa dell’odio e il trionfo dell’amore, e soprattutto la pace, quella pace che non è solo assenza di guerra ma è pienezza di giustizia e di libertà per tutti. Roba lontanissima dal becero consumismo festaiolo fine a sè stesso, che va tanto di moda, e che purtroppo gli odierni mezzi di comunicazione amplificano a dismisura.

Buona lettura dunque con la semplicità espressiva di questa donna di paese che non fece grandi studi, e forse proprio per questo ci ha regalato perle di scrittura e di sentimento, vorrei dire addirittura parole profetiche, di cui ogni cinquefrondese può essere orgogliosamente fiero. Buon Natale a tutti

Natali

Nc’eni ntra ‘sta nottata n’aria nova,

corcosa di diversu e di speciali,

chi puru chidi cori chi non mbonnu,

lu sentinu ch’è notti di Natali.

 

Tutti ntra ‘sta nottata fridda e santa,

l’abbèrtinu stu fremitu d’amuri

chi stracangia la terra, e chi ndi dici

ca stanotti nesciu Nostru Signuri.

 

Calanu a frotta l’Angiali cantandu:

“E’ Natali, Alleluia ! Osanna, osanna!”

e la Madonna ntra la Santa Grutta

ca vuci duci ntona: ” Ninna , nanna”.

 

Lu mundu nteru è chinu di ‘stu cantu

mentri li celi appiccicanu li stidi,

e ‘nu preghju chi cala ntra lu cori

ndi pigghja tutti, grandi e picciridi.

 

L’occhi chi cchju no nzannu ch’è lu chiantu,

di lagrimi si sentinu vagniari,

e la speranza comu ‘na lumera

s’adduna ntra ‘sta Notti di Natali !

 

O bambinu divinu chi nescisti

pemmu ndi mpari chi cos’è l’amuri,

mostrandu a tutti, ca sperduti simu,

la strata chi ndi porta a Ttia, Signuri !

 

Fa chista notti mu s’astuta l’odiu

chi nc’eni ntra ‘stu mundi canijatu,

e cu ‘sti mani beneditti e santi,

scancella di ‘sta vita lu peccatu !

 

Cogghjndi tutti dà, vicinu a Ttia,

nzemi a li pecuredi e a li pasturi,

e ntra tutti li cori fai mu trasi

la paci ch’eni fruttu di l’amuri !

 

Fai pemmu ndi sentimu tutti frati,

mu ndi sperdimi chi cos’è lu mali,

pemmu trovamu la bontà perduta,

ntra chista Notti Santa di Natali !

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.