Questa notizia è stata letta 292 volte

Buona festa di san Michele a tutti i Cinquefrondesi, a quelli che vivono ancora in paese e a quelli che per motivi vari abitano lontano, e naturalmente auguri a tutti coloro che portano il nome dell’Arcangelo nostro patrono.

Vogliamo impreziosire questi auguri pubblicando i versi di una bellissima poesia di Violetta Mammola, intitolata ‘Al mio paese’.

La festa di san Michele è la festa del paese, è una festa religiosa ma vi partecipa anche chi non lo è. Violetta Mammola ha scritto moltissime cose (ne abbiamo già riferito qui  https://www.cinquefrondineltempo.it/violetta-mammola-la-vagabonda-dellanima-che-profetizzo-la-sua-morte/  e anche qui  https://www.cinquefrondineltempo.it/festa-della-mamma-violetta-mammola-in-un-angolino-della-bianca-cucina-ogni-giorno-tu-mi-aspettavi/ ) ma ‘Al mio paese’ è l’unica scritta in dialetto cincrundisu. Fu pubblicata nella raccolta ‘Profumo di viole’ che uscì nel 2000, lo stesso anno in cui la poetessa e professoressa morì.

‘Al mio paese’ è un inno alla memoria e alla storia contadina della nostra terra, e lega la devozione a san Michele al passato lontanissimo dei nostri avi.

Il fatto che questa poesia sia stata scritta in dialetto non è secondario: ciascuno di noi quando pensa alle sue radici profonde, al suo mondo autentico, ai sentimenti più forti che albergano nella propia anima lo fa in dialetto, la lingua che ha appreso per prima dopo la nascita. In dialetto preghiamo, pensiamo, imprechiamo, usiamo il dialetto perfino quando litighiamo, e soprattutto quando preghiamo, sammicheli meu è l’espressione più usata da grandi e piccoli, da dotti e ignoranti, senza distinzioni,

Ecco perciò che la nostra poetessa Violetta, innamorata del suo paese e della nostra tradizione e storia, per una volta sente il bisogno di non utilizzare la lingua italiana e lasciarsi andare invece dolcemente nelle braccia del dialetto, la lingua del’anima, l’unica che le consenta di esprimere davvero fino in fondo il suo canto d’amore a san Michele e a Cinquefrondi. Buona lettura e buona festa a tutti

Violetta Mammola, poetessa e professoressa vissuta a Cinquefrondi (1948-2000)

 

Al mio paese

 

Cincrundi era propriu bedhu

‘ndavia cinqu turri

e nu ‘randi casteru,

l’ntichi soi dei

a Musucampu

undi ‘n’ceni di san Filippu

lu cumbentu

cu tanti grutti ‘ntornu ‘ntornu,

e propri ‘ra

la divuzioni di san Micheli

crisciu cu l’anni

e si fici ‘randi.

 

Puru l’amuri pè Sant’Elia

‘nc’era na vota

‘ntra n’atra via,

mò sulu li petri

parlanu e sannu

di chistu santu

chi ‘ja girandu

caminarolu comu lu ventu

che veni e vaci a lu cumbentu

sbatti li cimi di l’olivari

e ‘vidi jocari, li boni cotrari.

 

Si tu passi pe’ li rughedi

portali vecchi

d’antichi pilazzi

po’ tu vidiri

e ‘nchiri lu cori

di tanti ricordi

di l’anni passati.

 

‘Ntra li catoi

arruggiati e stanchi

tilari, crivi

tripodi, coddari,

roti di lignu

di vecchi braseri,

randi panari

di juncu stringiuti,

coria di boi

du’ lavuru ammazzati,

‘zappuni, stanchi d’aratri

arrupputi.

 

Nudhu si cura ‘cchjù

di sti cosi:

‘ca disonori

pari mostrari

d’a terra l’origini

d’i nostri avi.

 

E chi restau

di chidhu tempu

povaru ‘e anticu ?

‘Na cosa sula

pensu, anzi speru:

lu cori grandi

‘ntra l’accoglienza

du foresteru

chi passa stancu

per ritrovari

la ‘randi ricchezza

di Musucampu.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.