Questa notizia è stata letta 238 volte

Una giovane donna cinquefrondese è entrata a far parte della segreteria nazionale del sindacato pensionati Spi-Cgil. Si tratta di Claudia Carlino, già da tempo leader del sindacato regionale in Calabria e ora chiamata a far parte del ristretto gruppo dirigente che guiderà per i prossimi anni un’organizzazione che vanta oltre due milioni e mezzo di iscritti in tutta Italia.

E’ stato lo stesso sindacato pensionati a rendere nota l’elezione della nuova segreteria nazionale, avvenuta oggi con il 96,5% dei voti. Grande consenso dunque da parte dei delegati dell’assemblea nazionale per questo gruppetto di dirigenti fra i quali ci sono alcune conferme e alcune novità. Claudia Carlino è appunto una delle novità, e ciò riempie sicuramente d’orgoglio la comunità cinquefrondese. Non è che capiti tutti i i giorni che una persona di Cinquefrondi venga chiamata a svolgere un incarico così delicato in seno a una delle maggiori e più serie organizzazioni sindacali italiane.

Ho conosciuto molto da vicino lo Spi-Cgil in anni lontani, quando per lavoro mi occupavo di questioni sindacali e previdenziali. Ne conservo un ottimo ricordo. Un sindacato fatto di persone appassionate e preparate, con le quali è stato un piacere collaborare. In alcune occasioni fui chiamato anche a fare da moderatore di convegni e tavole rotonde sui temi di maggior interesse trattati dallo Spi-Cgil, e anche su loro input pubblicai con la casa editrice del sindacato  il libro ‘La fabbrica delle pensioni’ insieme con l’allora segretario confederale Giuliano Cazzola. Altri tempi.

Ma torniamo a Claudia, giovane e brillante sindacalista che ha saputo farsi strada e proporre le sue idee in un mondo, quello sindacale, appunto, pieno di ostacoli e insidie, e in un tempo assai difficile, in cui il ruolo della rappresentanza sindacale va ridefinendosi rispetto al passato cercando una nuova identità al passo con la modernità.

Nella carica di segretario generale dello Spi-Cgil è stato confermato l’uscente Ivan Pedretti già al congresso di Verona del febbraio scorso, ora è stata completatata la struttura di vertice. L’assemblea generale della categoria ha confermato al fianco di Pedretti Stefano Landini e Lorenzo Mazzoli, già membri della segreteria.

Quattro invece i nuovi eletti: Tania Scacchetti, modenese e Segretaria confederale della Cgil nazionale; Carla Mastrantonio, cilena e già Segretaria generale dello Spi-Cgil di La Spezia; Stefano Cecconi, veneto e per anni responsabile nazionale della Cgil Salute; e appunto Claudia Carlino, calabrese e Segretaria generale dello Spi-Cgil Calabria.

La carriera di Claudia compie dunque un gran balzo di responsabilità e visibilità. Ma la sindacalista cinquefrondese è ormai esperta e di sicuro saprà farsi valere. Claudia è infatti  al vertice del sindacato pensionati Cgil già dal 2020, in precedenza ha fatto parte della segreteria generale della Cgil calabrese, dove si è occupata di politiche del lavoro, formazione e politiche agricole. In passato è stata anche nella direzione nazionale della Cgil under 35. Ora questo nuovo incarico, un incarico di peso perchè la Cgil (e il suo ramo pensionati)  svolge un ruolo importante nel nostro Paese, la sua voce è molto ascoltata e influisce non poco sulle politiche sociali ed economiche. Complimenti e auguri a Claudia

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.