Questa notizia è stata letta 355 volte

Tempo di fine d’anno, tempo di bilanci e anche tempo di proverbi. La saggezza popolare condensata in poche parole, molte delle quali ormai in disuso o addirittura già scomparse dall’uso quotidiano. Nuova puntata della rubrica sul dialetto cinquefrondese, curata da Mimì Giordano. Nei proverbi in dialetto si riflette in tutte le sue sfaccettature l’antica cultura contadina del nostro popolo. Ne avevamo già parlato qualche mese fa (https://www.cinquefrondineltempo.it/le-parole-scomparse-del-dialetto-cinquefrondese-11-detti-e-proverbi-vari/). Ecco una seconda rassegna di detti e proverbi popolari.

di Mimì Giordano

Antico ma sempre attuale questo detto: A omu ‘ngratu e a càvulu hiurùtu chidu chi nci fai è tuttu perdutu!   

Per i cultori e gli innamorati della pipa: “Verzu la sira, quandu assulatu sentìa sonari l’Avimaria,

e ogni ricordu di lu passatu s’appresentava davant’a mia,

e chistu cori ‘ncadhatu s’inchîa di tènnara malincunia

e ruppìa a chîantu, tu mi l’asciucavi cu lu fumu toi tantu soavi”

Pareggio, nè vincitori, nè vinti, ma anche mancato guadagno. Dal latino paria, pacta, pax: Nescimmu para, patta e paci

Per i momenti di emergenza:  ‘Ntempu di dillùviu ogni pertusu è porta,  ‘ntempu d’estati ogni fìlici  è pagghjaru.

Nel bisogno accontentarsi anche del poco….: se non chîòvi…scighalija; ogni ficatedhu ‘i  musca è sustanza;

…..e di quanto viene dalla fatica nei campi…: cu’ chîanta scippa e cu’ simìna cogghj; cavuli novi chîàntandi, ma li vecchî no’ li scippari;

Per gli amanti di Bacco:  Si voi ‘mu ti pigghj ‘na bona pilucca fanci strata cu ‘nu biccheri d’acqua.

Per chi non è totalmente rovinato, derelitto e….cieco:  A lu paisi di l’orbi, mbiatu cu ‘ndavi menz’occhiu

Tirchieria e ingordigia: Di lu pìrchîu sciùppi corcosa, ma di lu mangiùni nenti

Quando le malefatte degli uni si ritorcono sugli altri: Atru fràbbica a lu sdarrùpu ed eu casi a lu chîanu no’ ndi pozzu frabbicari.

Attingere dall’abbondanza, ma diffidare da finte facilità: A gutti chîna ammussa e suca, a porta larga trasi ‘i hiàncu

Chi è responsabile di un atto, provveda se ha arrecato danno: Cu’ faci ligna a lu sdarrùpu avi ‘mu li porta a lu chîanu

 

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.