Questa notizia è stata letta 215 volte

di Mimì Giordano

 

Sciàmmarijari – risciacquare, rilavare i panni

Scugghjàtu – castrato, evirato. Si faceva questa dolorosa operazione soprattutto ai maiali. La loro carne, nel periodo in cui andavano in calore, non era adatta  per la macellazione e quindi si castravano preventivamente

Scunchîudutu – inconcludente, sconnesso.

Scurrucciari – provocare corruccio, risentimento o preoccupazione. Nella forma intransitiva mi sentu scurrucciatu significa sono risentito, preoccupato per qualcosa

Sdarrupari – guastare, trascinare in un dirupo. Nella forma intransitiva mi sdarrupai significa sono caduto, sono precipitato a terra

Sdillirijari – delirare, parlare con animosità eccessiva

Sdilloggiari – mettere a soqquadro un ambiente, una casa, ed anche con intenzioni cattive per derubare

Sdunari – ostinarsi su un argomento o polemizzare con qualcuno

Setti scuri – prestissimo, prima ancora dell’alba. Un’espressione paesana di facile comprensione: Cumpari  Micheli  si ndi cala jusu cu li setti scuri.

Sgadhizzari – districare, sbrogliare,  nesciri di li ‘ngadhizzi

Sgalipatu – poco garbato ,goffo,  “arrunzaturi”

Sghimbèsciu – al contrario o a “zichizachi”.

Sgudaloru – detto di castagna o noce “spaccatizzi” e quindi di facile estrazione dal guscio: Si dice anche della pesca che si stacca facilmente dal nòcciolo

Simpisturi – Era un particolare stimolo che si praticava ai bambini piccoli e ai lattanti per farli defecare. Lo si faceva con un gambo leggero di prezzemolo. Allargato metaforicamente, è un qualsiasi preparato che abbia lo scopo terapeutico di lenire una malessere (tosse, bronchi intasati) ma che a volte si rivela più come ingombro che come medicamento

Smammarijatu – confuso, distratto con vago senso di condotta

Smanichetta – in maniche di camicia. Ogni tanto si sentiva in paese l’espressione “Chi sì rigugghjutu ! Faci ‘nu friddu chi si mori e ti ndi vai girandu smanichetta”

Smarinari – smaltire l’ubriacatura, la sbornia

Smudichijari – letteralmente trasformare le  piccole molliche in briciole, ma figurativamente temporeggiare, indugiare nel prendere una decisione

Spàlassu – grossa punta aguzza di un rovo o di un cespuglio

Spampinari – per un fiore è sbocciare, aprire i petali

Spartenza – separazione, inimicizia, distacco. Da un canto popolare antico:  /Su’ calabbrisi, calabbrisi sugnu/ su’ nominatu pe’ tuttu lu Regnu/ Cu’ ndi voli canzuni ‘nci ‘ndi dugnu/ d’amuri, gelusia, spartenza e sdegnu/

Speragnu – risparmio, condotta economica tendete spendere poco o niente. Tipica la frase:  ogni speragnu è guadagnu. Oppure, per biasimare la condotta del  risparmiatore, ammonendolo che altri familiari potessero fare il contrario: ‘”U speragnu di lu tìrchîu si lu mangia lu spregàru” (il risparmio del tirchio lo sperpera lo sprecone)

Spertu – ramingo, errante, senza meta; con altro significato vuol dire esperto, capace

Spìchissi o smìchissi – questo è un termine molto raro ma che mi è capitato di sentire a Cincrundi  almeno quarantanni orsono. Significava bellimbusto, corteggiatore, fanatico. C’era anche una filastrocca:  Facìa lu spìchissi e crapijoli/ A zichizachi lu caminari/ N’arrìsi a Teresa e n’occhiata a Rosa/ Chi bella vita, chi bella cosa.

Spinnu – sfizio, voglia, desiderio di qualcosa. Mi càcciu lu spinnu ( mi tolgo la voglia,lo sfizio). Spinnari significa anche raccogliere le olive a mano direttamente dalla pianta, selezionandole

Spirdari – Spiritare, meravigliare l’altra persona con un atteggiamento anormale e farlo rimanere con gli occhi spalancati per la paura o la meraviglia

Spitu – spiedo. Un detto a mò di filastrocca: Caru cumpari domani vi ‘mbitu/ portati lu pani ca lu meu è mucatu/ portati lu vinu ca lu meu è acitu/ portati la carni ca eu portu lu spitu/ caru cumpari domani vi ‘mbitu.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.