Questa notizia è stata letta 459 volte

Oggi dedichiamo la pagina sulle parole scomparse del dialetto cinquefrondese ai proverbi e ai modi di dire. Qui di seguito una mini selezione di quelli principalmente dedicati alle persone che si credono furbe, agli imbroglioni e invidiosi vari, alla donna amata, e nei quali si trovano parole ormai in disuso o quasi, anche se in realtà sono proprio i detti e proverbi ormai quasi del tutto scomparsi e molto raramente si sentono pronunciare.

di Mimì Giordano

“La rrobba chi veni di ‘mpimpirimpiu si ndi vaci di mpimpirimpau”     (quanto viene arraffato artatamente o  illecitamente si perde, a volte,  allo stesso modo)

Di la rrobba chi a mia m’avi arrobbatu, Signuri meu, nommu si ndi vidi beni, mu scula comu cira, disperatu, ‘nu morbu mu nci vaci e  ‘n’atru mu nci veni, mu spendi li dinàri chi arrobbàu pe’  medici, spitali e medicini, mu vaci spertu cu’ mugghjeri e figghj e petra mu nci ‘mbatti senza fini

(di facile interpretazione, almeno a chi conosce il dialetto…)

Li vicini chi d’imbìdia su’ ‘mpurruti,  sempi  ‘mbìdia mu nd’hannu e mai pietàti    (anche questo detto è di facile comprensione)

Ecco un canto popolare di sdegno non solo cinquefrondese, ma anche dei paesi vicini, riservato con sdegno al/alla responsabile della divisione fra due innamorati :

Spartènza a cu’ spartiu lu nostru amuri, spartùtu mu lu viju cu’ na serra, spartùtu mu lu viju cu’ doluri, mortu di fami e sempi m’eni  ‘n guerra, a morti nommu nd’avi cumpessùri e mancu ‘nu becchinu ‘mu l’atterra.

Questo è dedicato ai prudenti: Cu’ sanu lu jìditu s’attacca, sanu si lu sciògghî  (Chi non sbaglia ed è prudente,previene il peggio). 

Detto dedicato ai maldicenti o a chi predica male e razzola peggio: Cu’ simìna spini, non poti jiri scàvuzzu  (Chi semina trappole o zizzania non può camminare tranquillo)

  Dedicato alle vittime del vizio: Jòcu, cantina e bagàscia fannu la bùggia lìscia   (Gioco, bettole e prostitute svuotano le tasche)

Detti e motti per la donna amata: Teni lu nomi di Santa Lucia ch’eni la cchjù bella di tutti li santi, tutti li bellizzi ti li dezz’a tia, ti fici chiss’occhî luccicanti     (di facile comprensione)

Se moru e mi ndi vaju ‘n Paradisu, se non ci trovu a tia eu non ci trasu   ( di facile comprensione)

“ ‘Na ura chi mancu di tia mi pari n’annu,   n’annu chi sugnu cu tia mi pari ‘nu jornu”    (di facile comprensione)

Palora duci, cchîù  di la cupèta  palora la cchîù cara eni imà (o jimà)  Mamma ( nel gergo ultrapopolare cinquefrondese imà) è parola più dolce più della copèta (il dolce antico fatto di mandorle bianche,miele e zucchero) a produrre il quale erano  maestri i componenti una famiglia cittanovese  (chiamati appunto ‘ i copetari)

Di  ‘ssa finestra chi t’affàcci a  ffari’? Omani e fimmani tu li fai moriri , ‘ssi capidhi non li pettinari e dàssali a la frunti pe’ mpendìri Veni lu ventu e li faci smpampinari e  cchîù di l’oru li faci stralucìri   (di facile comprensione).

(foto Archivio Storico Tropeano)

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.