Questa notizia è stata letta 437 volte

Mimì Giordano ci accompagna oggi con una nuova puntata nel suo sempre interessante viaggio alla scoperta o riscoperta delle parole che sono pian piano scomparse, o quasi, dal nostro dialetto e che quindi non si sentono più nelle nostre conversazioni. Questa volta è di scena la quarta sezione (e ultima) dedicata ai termini che cominciano per M e che, per motivi che non sapremmo spiegare, ammesso ci siano, sono particolarmente numerosi nella lingua cincrundisa. Buona lettura a tutti

di Mimì Giordano

Merìri:  confacersi, che si addice, che sta bene alla persona. “Cuncettina, comu ti merìa chidu  vestitu !”

Micantoni:  versione dialettale del nome proprio di persona Domenicantonio

Micheletti:  venti leggeri e primaverili che si manifestano nel periodo della festa di san Michele  Arcangelo.

Mimidhu: capezzolo

Mìzzica:    termine che esprime sorpresa, compiacimento, èstasi, ma anche fastidio. Si tratta di una parola che nel nostro dialetto ha diversi toni e significati. Sostituisce la parola mìnchia per evitare la volgarità

Mirò: è l’adenite dei linfonodi, il loro ispessimento, nella zona ascellare o inguinale

Mòngiu: molle, flemmatico, lento

Mugghjèri:  moglie, consorte. Dal latino mulier, simile a moglie in  spagnolo, mujer.  Proverbi popolari: l’omu senza dinari è menzu mortu, ma poi senza mugghjèri è  mortu ‘n tuttu  Cu’ nd’avi pocu sordi sempi cunta, cu’ nd’avi la mugghjèri bella sempi canta”

Muloχi: Molochio, paese pre-aspromontano a 18 Km da Cincrundi. Abbiamo utilizzato la ventiduesima lettera dell’alfabeto greco antico, che ci appartiene fortemente e la parte finale del nome dialettale di questo paese si pronuncia come le prime due lettere della parola  χiuri (fiore)

Muloχiaru:  molochiese, abitante di Molochio

Mungarusu:  chi ha una voce nasale, naturale o per anomalie della struttura nasale stessa

Mungiusu: è detto di una persona lenta, impacciata, che ci mette tanto tempo a fare una cosa

Murfurata:  ondata di calore umido, nebbiolina umida, dannosa per le colture.

Murga:  morchia, sedimento di cattivo odore che viene dai residui dell’estrazione dell’olio di  oliva di scarsa qualità

Murmurijari: sparlare, criticare

 Murra: un insieme di persone, un branco di animali, ma anche un antico gioco che si fa stendendo le dita della mano e cercando di indovinare quante ne espone contemporaneamente l’altro giocatore.

Muzzicari:  mordere. Muzzicari ‘i gùvita, prendersela con sé stesso per un errore commesso.

Muzzùni:  cicca di sigaretta.

 

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina.